13 dicembre 2018
  • 17:43 Nuova McLaren 720S da Ginevra a Shangai a 340 km/h
  • 12:35 BMW Serie 2 M240i xDrive e 220d Cabrio
  • 12:49 Renault Espace 2017: comodità alla francese
  • 12:44 Toyota Auris 2017: tutte le novità del restyling
  • 12:58 Renault Clio restyling 2017: novità estetiche e nuovi motori

La britannica Lotus si è da sempre distinta, nel corso della sua storia, per la progettazione di vetture dal carattere sportivo, molte delle quali dotate di qualità estreme, confermerà questa caratteristica con la nuova Lotus 3-Eleven.

Lotus 3-Eleven: naturale evoluzione della 2-Eleven

Proprio tali caratteristiche hanno consentito alla casa di diventare un punto di riferimento per milioni di appassionati in tutto il mondo. Non farà eccezione la nuova Lotus 3-Eleven destinata a raccogliere, a partire dal 2016, l’eredità del precedente modello 2-Eleven. Quest’ultima, uscita sul mercato nel 2007, ha tra i suoi punti distintivi il peso ridotto, i 255 cavalli a disposizione e un motore da 1.8 litri sovralimentato da un compressore Roots, capace di spingerla a realizzare un’accelerazione da zero a 100 in meno di quattro secondi. La Lotus 3-Eleven, grazie alla potenza sviluppata da ben 420 cavalli, permetterà di ottenere prestazioni di livello ancora maggiore. Dai vertici della casa automobilistica sono già arrivate indicazioni su quello che sembra essere l’obiettivo da raggiungere infatti la nuova Lotus 3-Eleven sarà in grado di competere con le hypercar. Ad esempio, cercherà di percorrere la pista del Nurburgring in un tempo di poco superiore ai 7 minuti. Secondo quanto comunicato dal magazine specializzato Autocar, pubblicato in Inghilterra, Lotus non sarebbe molto lontana dal concludere la progettazione del nuovo veicolo.

Le prime notizie in merito alle caratteristiche:

Sempre all’interno del magazine sono già state riportate le prime indiscrezioni in merito alle prestazioni, che attestano la Lotus 3-Eleven come capace di girare in pista con tempi vicini a quelli ottenuti dalla Porsche 918 Spyder, oltre che da Ferrari e McLaren (in particolare la P1).
Ma Autocar ha voluto anche dare le prime indicazioni relative sia alle caratteristiche estetiche che alla struttura. Per quanto riguarda il primo punto, dovrebbero essere molti i punti in comune tra la Lotus 3-eleven con il modello precedente, anche se alcune modifiche si sono rese necessarie. Tra queste ultime, ad esempio, sembra certa la presenza di un motore più largo, che sarà anche decisamente più potente. Sono state fatte anche ipotesi sul prezzo della nuova Lotus 3-Eleven, che potrebbe essere di circa 70.000 sterline (tradotto in moneta unica si parla di poco meno di 100.000 euro). Se venisse confermato, tale prezzo porterebbe la Lotus 3-Eleven ad essere uno dei veicoli più veloci tra quelli che non superano i 100.000 euro. Rispetto alla 2-Eleven verranno apportate anche delle modifiche per affinare l’aerodinamica. Quanto appena indicato, però, è nell’ambito delle indiscrezioni perché, oltre al rilascio delle caratteristiche ufficiali da parte della casa britannica, mancano anche delle immagini che possano dare conferma o meno a quanto indicato. Per ora, gli appassionati di vetture sportive di lusso devono accontentarsi del rendering fornito da Autocar.

Il motore e l’abitacolo della nuova 3-Eleven:

Dal punto di vista del telaio, Lotus dovrebbe fare ricorso ad un monoscocca realizzato in alluminio estruso, che deriva direttamente dal modello Exige S, dal quale verranno probabilmente riprese anche le sospensioni. Il motore della nuova Lotus 3-Eleven non dovrebbe rappresentare una novità assoluta; si tratterà di un V6 3.5 litri sovralimentato con volumetrico, modificato per poter mettere a disposizione del guidatore i 420 cavalli previsti. A causa del peso maggiore del motore, anche quello della vettura lieviterà. Se la 2-Eleven raggiunge i 670 kg, la  aggiungerà almeno 100 kg, ma il peso dovrebbe comunque mantenersi al di sotto degli 800 kg. Alcune indiscrezioni fanno riferimento anche all’abitacolo, che dovrebbe prevedere dei sedili in carbonio. A livello di commercializzazione, inizialmente la vettura verrà limitata alla pista, ma Lotus ha già comunicato di avere in programma la sua omologazione su strada.

La crescita inarrestabile di Lotus continua a sorprendere:

In attesa di proporre il nuovo modello, in questo 2015 Lotus sta continuando ad ottenere sul mercato ottimi risultati. L’ultimo bilancio annuale ha mostrato un incremento delle vendite di circa il 55%; un risultato straordinario (era dal 2008/2009 che non veniva registrato un incremento di tale misura) che ha portato la casa britannica ad investire con ancora maggiore passione nei nuovi progetti, attesi per i prossimi anni. In termini numerici, nel 2014 sono stati più di 2.000 i veicoli venduti, che si sono contrapposti ai quasi 1.300 di dodici mesi prima. In particolare, i mercati all’interno dei quali Lotus ha ottenuto le maggiori performance sono stati quello cinese e quello francese, ma anche la Germania ha visto un incremento del 186%. In Italia i risultati sono stati ottimi, con un incremento del 33%. Ad importare il maggior numero di Lotus, comunque, è il Giappone che, sempre nel 2014, ne ha richieste 365, rappresentando il principale mercato della casa britannica. Un caso particolare è quello degli Stati Uniti, nei quali l’unica vettura stradale venduta da Lotus risulta essere la Evora. Il veicolo più venduto al mondo nel 2014 è stato quello denominato Elise.

Il rilancio nel mercato, delle case automobilistiche britanniche continua verso la ricerca di una fascia di clientela di alta gamma, forse in relazione alla crescente richiesta da parte dei mercati asiatici e comunque la produzione di auto concept, supercar e Hypercar non puo’ che accendere maggiore interesse da parte di tutti gli appassionati in tema di motori.

© RIPRODUZIONE DEI CONTENUTI RISERVATA

admin

RELATED ARTICLES