13 dicembre 2018
  • 17:43 Nuova McLaren 720S da Ginevra a Shangai a 340 km/h
  • 12:35 BMW Serie 2 M240i xDrive e 220d Cabrio
  • 12:49 Renault Espace 2017: comodità alla francese
  • 12:44 Toyota Auris 2017: tutte le novità del restyling
  • 12:58 Renault Clio restyling 2017: novità estetiche e nuovi motori

Scopriamo la nuova Ferrari GTC4 Lusso T, con tutte le novità nascoste all’interno del nuovo motore, ripensato in esclusiva per il nuovo modello della casa.

Otto cilindri per Ferrari GTC4 Lusso T

Dopo avervi parlato della 812 Superfast presentata a Ginevra, torniamo a Maranello per scoprire la nuova Ferrari GTC4 Lusso T ed il suo nuovo motore.

La scelta di Ferrari per questo modello è ricaduta su un V8, ma rivisitato rispetto a quanto già visto su altri modelli che montano un motore simile, come la 488 e la California.

In generale possiamo affermare che si tratta di un motore del tutto nuovo, in quanto sono stati ristudiati molti dei componenti, come gli impianti di alimentazione e di scarico e più in generale, tutto il sistema fluidodinamico.

Ferrari GTC4 Lusso T eroga una potenza di 610 CV, che confrontati coi due modelli già citati sopra, colloca la nuova supersportiva sopra la California ma al di sotto dei 670 CV della 488. Per quanto riguarda la coppia, Ferrari GTC4 Lusso T è in grado di erogare fino a 760 Nm, con un valore che varia a seconda della marcia innestata, con una curva di erogazione regolata dal sistema Torque Management, ideato a Ferrari.

Sono necessari 3,5 secondi per portare l’auto a 100 km/h, mentre i 200 km/h possono essere raggiunti in 10,8 secondi.

Ferrari GTC4 Lusso T: la sportiva pensata per la strada

Le prestazioni del potente V8 di Ferrari GTC4 Lusso T non sono però l’unico aspetto che sorprende chi ha la possibilità di mettersi alla guida del nuovo lusso made in Italy. Infatti, stando ai primi test su strada, ciò che colpisce è il grande dinamismo mostrato dall’auto. La massa alleggerita e il peso distribuito soprattutto sul retrotreno, dove è collocata la trazione, consentono una risposta immediata ai comandi. Immediata è anche la risposta delle quattro ruote sterzanti e permette a Ferrari GTC4 Lusso T di mantenere il massimo controllo anche nelle sterzate più brusche ed a velocità elevate.

Come già visto anche su modelli precedenti, anche Ferrari GTC4 Lusso T monta il cosiddetto manettino per la regolazione dell’assetto, che permette di selezionare cinque diverse configurazioni, tra le quali le più utilizzate dovrebbero essere la configurazione sport e quella comfort, anche se sono state previste regolazioni pensate per la guida di Ferrari GTC4 Lusso T su fondi bagnati o ridottissima aderenza, come in caso di neve o ghiaccio.

Comodità per quattro su Ferrari GTC4 Lusso T

Abbiamo parlato a lungo del motore e della guida della nuova Ferrari GTC4 Lusso T, ma un elemento da non trascurare è che il nuovo modello del cavallino rampante è stato pensato per ospitare all’interno dell’abitacolo fino a quattro persone, guidatore incluso. La nuova Ferrari infatti nasce come risposta per chi cerca le prestazioni e il marchio del cavallino, ma su una soluzione più sfruttabile anche occasioni di utilizzo quasi quotidiano. Gli interni di conseguenza sono ampi ed eleganti, con rifiniture personalizzate e realizzate artigianalmente come su ogni modello Ferrari.

I sedili posteriori sono del tutto analoghi a quelli anteriori e separati tra loro dal tunnel centrale che prosegue dalla parte anteriore della vettura.

La postazione di guida non poteva che essere in perfetto stile Ferrari, con aspetto e posizione da vera sportiva, ma inserita in un contesto di lusso e cura per il dettaglio.

Per quanto riguarda il listino prezzi, Ferrari GTC4 Lusso T è disponibile a 233.525 euro, un prezzo inferiore di circa 40.000 rispetto al precedente modello lusso.

E gli esterni di Ferrari GTC4 Lusso T?

Non ci siamo soffermati sulle scelte stilistiche per l’esterno di Ferrari GTC4 Lusso T, in quanto si tratta di un’auto concepita sulla stessa idea della GTC4 Lusso, utilizzata quindi come base, ma con le importanti modifiche che abbiamo descritto in precedenza rispetto al motore, per il quale è stata abbandonata la scelta del V12 a favore del V8 appena descritto.

Guarda Il Video


© RIPRODUZIONE DEI CONTENUTI RISERVATA

admin

RELATED ARTICLES